La Leggenda

Il Mito è affascinante, poetico. E'bellissimo, a patto di prenderlo per quello che è. Invece l'Uomo si è preso il mito con tutta la mano, e ha cominciato a scambiarlo per la verità.
E' così che il mito dell'anima gemella è diventato leggenda. In questo caso il termine "leggenda" non è sinonimo di mito: ci si riferisce al concetto di "leggenda metropolitana".
Le leggende metropolitane sono delle storie false che però molti ritengono vere. E se le trasmettono col passaparola. Da me a te, da te a lui (o a lei). Perché lo fanno? Perché quella particolare storia conferma il loro modo di vedere il mondo: perciò è troppo bella per essere falsa. Deve essere vera: è così confortante scoprire che le cose stanno proprio come pensavamo!

Insomma, le leggende hanno successo, e si diffondono a macchia d'olio, quando crederci (e raccontarle!) dà dei vantaggi. Che possono essere di ordine pratico, oppure (ed è questo il caso della leggenda del colpo di fulmine) di ordine psicologico.

La credenza nella leggenda del colpo di fulmine (che ha come fondamento il Mito dell'anima gemella) è molto radicata: dell'84% di italiani che ci crede, addirittura il 76% sostiene di averlo già sperimentato. Gli altri lo aspettano con ansia.

Nonostante questo, il 40% dei matrimoni nei paesi occidentali finiscono col divorzio. Meno dell'1% dopo 10 anni di matrimonio si definisce felice di vivere col proprio partner. Ma né loro, né i divorziati che credevano nel colpo di fulmine e nell'anima gemella, hanno per questo smesso di crederci: la prossima volta sarà diverso.


Così, un nuovo fallimento si profila all'orizzonte.